AVIGNON.CAPO

 

2. AVIGNONE (Francia) dal 13 al 17 settembre 1882.

Presidente: S. E. Mons. Hasley, arcivescovo di Avignone.

Segretario generale: Gustave Champeaux.

Direttore dei lavori: Canonico J. Didiot.

Tema degli studi:

Adorazione del Santissimo Sacramento, processioni e pellegrinaggi eucaristici.

 

    Il modello sperimentato a Lille dettò agli organizzatori il programma da realizzare ad Avignone l’anno successivo. Dietro ad essi si nascondeva Émilie Tamisier sempre impegnata generosamente per la causa eucaristica, e Philibert Vrau che preparava ogni cosa: inviti, programmi, commissioni, sedute, rapporti, liste di conferenzieri. Egli stesso contribuì largamente con le sue sostanze alla stampa degli Atti dei Congressi raccolti in un’importante serie di volumi.

    La scelta di Avignone, la “città dei papi”, come sede del 2° Congresso eucaristico internazionale che si tenne da mercoledì 13 a domenica 17 settembre 1882, si rivelò felice. Avignone, infatti, non solo era stata una delle prime città della Gallia a ricevere il Vangelo, ma era anche terra profondamente cattolica. Inoltre la città era universalmente conosciuta per il miracolo eucaristico del 1443 quando le acque del Rodano che avevano invaso la città, lasciarono all’asciutto la cappella dei Penitenti grigi (cf. la foto qui sopra) dove fin dal 1226 si era stabilito, per privilegio reale, un particolare culto al Santissimo Sacramento.

    Se a Lille il primo scopo era stato quello di far conoscere le opere eucaristiche esistenti, nelle Congresso di Avignone,  i 452 iscritti furono particolarmente attenti all’influenza sociale dell’Eucaristia. «Non si tratta – così si esprimeva il canonico Didiot, direttore dei lavori – di definire qui delle questioni dogmatiche né di decidere su alcuni punti controversi ma piuttosto di riunire degli uomini che si occupano di opere eucaristiche. I nostri congressi presentano i mezzi per sviluppare in ogni luogo la devozione a Gesù-Ostia… Ciò per cui si lavora e si prega è il regno sociale di Gesù Cristo».

    Nella prima sezione dedicata a “Adorazione e riparazione” furono presentate le opere eucaristiche legate alle Confraternite ed ai movimenti per l’adorazione e la comunione riparatrice.  Nella seconda sessione, “Insegnamento, propaganda e arte”, si tennero una decina di rapporti sulla questione della prima comunione ai fanciulli. La terza sessione si occupò delle “Manifestazioni esteriori e delle relazioni tra le opere eucaristiche”. La devozione al Sacro Cuore di Gesù che stava al centro della spiritualità di questo vasto movimento, venne proposta come un mezzo di unione tra tutte le opere eucaristiche facendo così eco alle parole del Papa che nel Breve dell’8 settembre inviato al vescovo di Avignone dichiarava: «Il fine principale dei Congressi eucaristici è di onorare il Sacro Cuore di Gesù nel Santissimo Sacramento dell’Eucaristia».

    La processione di chiusura del Congresso sorpassò in solennità l’indimenticabile manifestazione realizzata a Lille l’anno precedente. Si tenne nei vasti giardini del collegio San Giuseppe la sera di domenica 17 settembre con la partecipazione di sei mila uomini mentre quasi altrettante donne inginocchiate facevano ala al corteo aperto dalla confraternita dei Penitenti Grigi. Poi, a notte ormai inoltrata, i presenti piegarono le ginocchia per ricevere la benedizione eucaristica. «In questa notte santa, sulla terra di Avignone, io vidi il Cristo stesso dare la sua benedizione urbi et orbi e dopo di ciò niente, sono certo, mi parrà più degno d’essere visto» (Can. Didiot).

 

Nel quadro: la cappella dei "Penitenti Grigi" ad Avignone

 

QUADRO-GIALLO

Precedente...

QUADRO-BLU

Seguente...

CEBU-FLAGN

Profilo

    Il primo Comitato permanente per i Congressi Eucaristici Internazionali è nato in Francia nella primavera del 1881 con la benedizione di Leone XIII. Esso raccoglieva i frutti dell’apostolato di san Pierre-Julien Eymard, «apostolo... Continua


INFORMAZIONI

Palazzo San Calisto

00120 Città del Vaticano

Tel.: +39.06.69.88.73.66

Fax: +39.06.69.88.71.54

E-mail: eucharistcongress@org.va

POST-IT